Mindfulness: meditare sulle emozioni (parte 1)

11365873-japanese-mask-kobesimi-and-otobide--an-illustration-of-the-encyclopedia-publishers-education-st-petePer prima cosa ricordiamo la corretta posizione: seduti comodi su un cuscino o una sedia, le gambe possono essere incrociate, ma anche seduti su una sedia con le gambe ben perpendicolari al pavimento; la schiena non deve poggiare e deve essere dritta, con il mento leggermente in dentro per allineare la colonna anche nella parte del collo, le mani una sull’altra e entrambe in grembo.

la durata: partire da 5 minuti, aumentando di 2 o 5 minuti fino a un minimo di 30 o 40 minuti. Almeno una volta a settimana.
Continua a leggere

Annunci

Mindfulness: la pigrizia, gli affetti e il sé

Ultimamente ho iniziato a meditare con un amico di vecchia data, che chiamerò per riservatezza Effe, dall’iniziale del suo nome, senza specificare se è uomo o donna.

Effe, incuriosito dalla vipassana (e dalla sua ansietta cronica e senso di insoddisfazione), mi ha chiesto di meditare insieme, ogni tanto. Effe è un persona molto pigra e preferisce lampi creativi alla costanza. Continua a leggere