Meditazione per bambini: come iniziare

cat,peaceBambini piccoli faticano a restare concentrati su un oggetto mentale anche per pochi minuti. (In realtà lo è anche per gli adulti alle prime armi).

Per prima cosa fategli fare un po’ di stretching leggero per farli passare dalla loro tipica allegria a una situazione più calma. Se sono ancora un po’ carichi, fate insieme la meditazione zen camminata: camminare lentamente, un passo dopo l’altro, avanti e indietro per pochi metri. Dite al piccolo di stare attento al piede che tocca il pavimento e a quello che si alza, il tallone quando poggia e così via. La camminata deve essere molto lenta, ditegli di prestare attenzione anche al momento di cambio dei due piedi che è quello di maggiore instabilità.
Fatelo per 1 minuto, massimo 2 minuti.

Se ora sembra un po’ più calmo, sedete insieme a lui, uno di fronte all’altro, nella posizione di meditazione tradizionale. Se il bambino ha difficoltà, va bene anche star seduti su una sedia, senza toccare lo schienale con la schiena e che i piedi siano ben piantati a terra.

Ora fate esercizi di concentrazione con il respiro, per 30 secondi, massimo 1 minuto: dite al piccolo di prestare attenzione al respiro che entra nelle narici (respiro fresco) e quando esce dalle narici (respiro caldo). Se il bambino è assalito da pensieri (cosa normale) dite di rendersi conto che ci sono questi pensieri nella sua testa, di tornare al respiro facendo cadere o andare via i pensieri dolcemente. Potete dire di immaginare un piccolo ruscello d’acqua che porta via i pensieri e pulisce la mente.

Se trovare che il bambino sia irrequieto in questa fase, passate a una versione ludica, contate il respiro insieme. Iniziate voi a contare per 3 secondi l’aria che entra nel naso e per altri 3 che esce, poi fate contare allo stesso modo il bambino mentre voi respirate.
Fate tutti gli esercizi (tranne la camminata zen) con gli occhi chiusi o focalizzando un solo oggetto.

Se il bambino si è tranquillizzato, tornate a sentire  il respiro fresco che entra e quello caldo che esce senza contare. Sempre per 30 secondi o 1 minuto.

A questo punto, fermi in posizione, chiedete al bambino come si sente, se ha domande o stati d’animo particolare.

Finite con un esercizio di visualizzazione: sempre attenti al respiro freddo e caldo, dite al piccolo di immaginare dietro gli occhi chiusi un foglio bianco e su quel foglio disegnare quello che vogliono o vedono al momento. sempre 30 secondi o 1 minuto, se il piccolo trova piacevole questo esercizio, arrivate anche a 2 minuti.
Alla fine date un foglio vero e dei colori e chiedete di disegnare quello che hanno visto nella meditazione.

Fate una chiacchierata finale e un po’ di stretching dolce per uscire dalla meditazione in modo non brusco.

Annunci

3 pensieri su “Meditazione per bambini: come iniziare

  1. Rita ha detto:

    molto utili questi consigli; a volte con i miei alunni, piccoli di sei anni, cerco di respirare in modo consapevole per rallentare la loro agitazione e prepararli al lavoro seduti….mooooolto difficile! Utilizzerò questi nuovi consigli . Grazie

    • buddhismoquotidiano ha detto:

      e io scriverò altri post su alti piccoli esercizi per gestire le emozioni e la concentrazione dei più piccoli.

      fammi sapere come andranno questi piccoli “giochi” cognitivi con la tua classe!

      grazie a te e a presto

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...