Le “porte meravigliose” della meditazione per calmare le emozioni

Le cose che andrò a descrivere le trovate in un bellissimo libro di meditazione buddhista per bambini da 5 a17 anni.

La meditazione tradizionale buddhista si basa su tecniche di respiro per calmare e concentrare la mente.

ecco a voi LE SEI PORTE MERAVIGLIOSE:

Contare: ci si siede nella posizione corretta e si conta ogni respiro nelle narici e nel diaframma per stabilizzare la mente. Il contare evita pensieri disturbanti, non del tutto, ma aiuta.

Seguire: il contare diventa esso stesso un elemento di disturbo 🙂
Ecco che basta seguire il respiro senza contarli per mantenere la mente vuota e concentrata.

Fermare: seguire il respiro aumenta la concentrazione. Ora si passa, col tempo e la pratica, a uno stato avanzato dove appunto siamo in grado di fermare i pensieri prima che sorgono, anche perché, incredibile ma vero, ci accorgiamo che stanno per sorgere, quindi abbiamo questa sensazione che ci avvisa che ci stiamo per distrarre, ma non ci distraiamo affatto.

Osservare: qui adesso la nostra mente è stabile e in un piacevole assorbimento: ansie future e rimpianti passati non ci toccano, possiamo maneggiare e osservare senza problemi le nostre emozioni quando appaiono. Osservare non significa giudicare, e infatti in questo stato di assorbimento la nostra mente spontaneamente osserva e non giudica, perché i meccanismi che mettono in atto le sovrastrutture mentali sono ben visibili. La nostra mente smette di ingannarci e le emozioni nascoste o inconsce emergono davanti a noi in una situazione di “sicurezza”. Viviamo il nostro corpo e le nostre emozioni in una partecipazione completa: noi siamo il nostro corpo, noi siamo i nostri pensieri, noi siamo il nostro ambiente. Tutto è calmo e sereno.

Ritornare: dove? alla nostra vera mente, quella oltre le asfissianti sovrastrutture mentali. Torniamo alla sorgente di ogni pensiero della nostra mente. Questo è lo stato più avanzato di assorbimento. Sperimentiamo il contenitore, ovvero se i nostri pensieri sono i contenuti, la mente è il contenitore. Solo qui possiamo osservare l’essenza, la natura del contenitore privo dei contenuti, un osservazione diretta e senza filtri della nostra più intima identità. Facciamo finalmente esperienze di noi stessi. Le emozioni non fanno più paura, sono domate. I pensieri non ci ingannano, sono acquietati.

Annunci

Un pensiero su “Le “porte meravigliose” della meditazione per calmare le emozioni

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...